Qi

Qi esprime il desiderio dell’uomo di costruire come se potesse durare per sempre la sua opera, nella piena consapevolezza di quanto sia in realtà effimero, tutto ciò che abbozziamo.
Qi s’ispira all’arte orientale e alla sua filosofia, della quale il sakura, l’albero del fiore di ciliegio è il simbolo. Il sakura così intenso nel suo splendore, è destinato a durare solo pochi giorni e per questo, che in Giappone si accompagna il suo fiorire con una grande festa.
Qi s’ispira al sentimento, che nasce dall’amore per le cose, siano esse anche transitorie e dal profondo rispetto per la loro intima particolarità.
Qi rappresenta il valore della memoria, che distingue ciò che è ed è stato, da ciò che non è e ci ricorda, quanto ciò sia prezioso.
Qi rappresenta tutto ciò che per noi è unico e insostituibile e che è legato alla nostra memoria delle cose.
Qi è la scelta di quello che ci appartiene e che forma la nostra identità e il nostro racconto di vita.

In questo contesto il marchio Qi nasce dal desiderio di unire funzionalità e bellezza. La bellezza appartiene al superfluo, ma è quel superfluo ad essere per l’uomo un bene di prima necessità.

Qi rappresenta tutto ciò che per noi è unico e insostituibile e che è legato alla nostra memoria delle cose. Qi è la scelta di quello che ci appartiene e che forma la nostra identità e il nostro racconto di vita.

Perché coniugare arte e ospitalità? Cosa hanno in comune un albergo e uno spazio espositivo? Entrambi sono luoghi di incontro. Prendendo così spunto da una rinnovata domanda di convivialità e da un profondo bisogno di cultura, nasce l’idea dell’albergo d’arte. Idea, da noi realizzata trasformando da un lato i tre piani dell’edificio in uno spazio espositivo nel quale dare visibilità ad artisti e creativi e in forma di progettazione delle camere d’autore e di una linea di illuminazione e di complementi d’arredo e rifinimenti unici per ogni ambiente. Dall’altro nel quotidiano lavoro e incontro con i nostri clienti percepiamo questa struttura come luogo di dialogo e confronto su nuove tendenze ed esigenze sociali. Ogni forma di espressione culturale si genera da atti di condivisione e partecipazione.
L’accoglienza può rappresentare così una occasione di arricchimento reciproco. Attualmente il Roma Room Hotel ospita nei suoi spazi comuni la mostra “Sogno quindi sono 2.0”.

Atelier del Granaio Art Hotel – Armonie d’Arredo

Per le camere d’autore dei nostri Art Hotel, l’Atelier del Granaio e Armonie D’Arredo hanno realizzato l’illuminazione e i rifinimenti. Il marchio Qi nasce dal desiderio di unire funzionalità e bellezza. La bellezza appartiene al superfluo, ma è quel superfluo ad essere per l’uomo un bene di prima necessità.

“Dormire è importante per la nostra vita. Con Mariacristina Eidel abbiamo realizzato in questi anni delle stanze d’autore per alberghi e B&B, dove creiamo ambienti che generino benessere anche alla vista. Scelte cromatiche, pannelli decorativi, lampade e tessuti. Con il supporto di Armonie d’Arredo, che realizza le nostre creazioni anche più complicate, facendole diventare reali e il sapiente aiuto della AS costruzioni di Spadot Gianluca che riesce sempre a realizzare i nostri desideri di miglioramento architettonico si è creato un team consolidato che riesce a soddisfare le esigenze delle strutture che ci vengono affidate.”

Alessandro Arrigo

Il Pittore Daniele D’Amico

Il pittore Daniele D’Amico espone alla mostra collettiva “Morsi d’Arte” presso “librodivino” book&wine…

LA VITA È UN SOGNO – NOVITÀ LUZAZUL NELLA MOSTRA SOGNO QUINDI SONO 2.0

Alla mostra “Sogno, quindi sono 2.0” ci accompagnano ancora le immagini di…

ALESSANDRO ARRIGO, GRAFICO E CREATIVO

Mi chiamo Alessandro Arrigo sono nato a Roma dove vivo e lavoro…

Cristina Corradini in arte Nidi

Cristina Corradini in arte Nidi, ha esposto 10 nuove tele, oltre ai…

La Scultrice Giovanna Basile

L’artista bolognese Giovanna Basile espone a Roma Room Hotel 9 Novembre 1989…

LA PITTRICE LUISA SCIMONE

I miei Sogni sono irrinunciabili, sono ostinati, testardi e resistenti Luis Sepulveda…

Bianco, Grigio e Nero… Una emozione infinita – Kostas Papaioannou alla mostra Sogno quindi Sono 2.0

Foto di Kostas Papaioannou 1. Scale “Via di Donna Olimpia ingresso principale…

LA PITTRICE ANGELA BONAVITA

“Quale visione più inafferrabile di un’onda? Per me dipingere un’onda è come…

Il Pittore Francesco Astiaso Garcia

Immagine, visione – Vista “La dignità dell’artista sta nel suo dovere di…

SCATTO QUINDI SOGNO – MARCO SANCES ALLA MOSTRA SOGNO QUINDI SONO 2.0

Di che materia è fatta la fotografia? Un tempo di alogenuro d’argento,…

Mostra Sogno quindi Sono 2.0 – “IL SOGNO DI VIOLA E ANDREA” PEPPINO ROTONDO

Olio su tela 24×30, 18 settembre del 2015. “Mano nella mano verso un…

Mascia Bambi Ciarrocchi alla Mostra Sogno quindi Sono 2.0

SOGNO AD OCCHI APERTI Se si sogna da soli, è solo un…

L’INVISIBILE – FABIO RUGGERI ALLA MOSTRA SOGNO QUINDI SONO 2.0

Alla mostra “Sogno, quindi sono 2.0” tornano le immagini di Fabio Ruggeri, fotografo…

DEMONI URBANI – CARLO DI GIACOMO ALLA MOSTRA SOGNO QUINDI SONO 2.0

Le sue immagini riflettono come uno specchio i tratti onirici e sfumati…

Caterina Arciprete

Alla mostra “Sogno, quindi sono 2.0” Caterina Arciprete espone alcune illustrazioni tratte…

IDENTITÀ INCERTE, IDENTITÀ DIFFUSE – GIULIA CASTAGLIUOLO

“Amare troppo. Come piccoli piedi d’infante  scalpitando su un cuore qualsiasi  così…

Alba

l ciclo di camere d’autore “Le ore”, nasce dalla mostra “Sogno, quindi sono”. E’…

Tramonto

Il ciclo di camere d’autore “Le ore”, nasce dalla mostra “Sogno, quindi sono”. E’…

Notte

Il ciclo di camere d’autore “Le ore”, nasce dalla mostra “Sogno, quindi sono”. E’…

Camera del Giorno

Il ciclo di camere d’autore “Le ore”, nasce dalla mostra “Sogno, quindi sono”. E’…

Camera del Mattino

Il ciclo di camere d’autore “Le ore”, nasce dalla mostra “Sogno, quindi sono”. E’…

Estate

Il termine “stagione” ha due possibili derivazioni: dalla parola latina sationem, ovvero…