Struttura

Cappella

Cappella delle Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesù

Nel giugno 2001 l’Atelier del CENTRO STUDI E RICERCHE EZIO ALETTI diretto da p. Marko Rupnik ha realizzato lo splendido mosaico che decora la cappella. L’Atelier si propone come via per aiutare un nuovo incontro tra l’arte e la fede, tra le diverse Chiese e gli artisti. L’Atelier, permanente cantiere comunitario, si occupa quasi esclusivamente di arte liturgica. Nel 1999, con l’Atelier dell’arte spirituale del Centro Aletti, p. Marko Rupnik conclude il rinnovo a mosaico della Cappella Redemptoris Mater affidatogli dal papa Giovanni Paolo II. D’ora in poi, l’arte di Rupnik sarà impegnata in un rapporto dialogico tra l’iconografia della tradizione Orientale e la sensibilità artistica della modernità Occidentale, unite in particolare nella tecnica del mosaico.

La scelta del mosaico nasce a partire da due motivazioni che p. Marko Rupnik così riassume: “il martello non è come la spatola o il pennello. Quella della pietra è un’arte più esigente, più dura, la pietra ha una sua volontà. Se la prendi per il suo verso ti asseconda, se no ti fai male”. La scelta di lavorare con la pietra porta a purificare l’orizzonte interno e la comunicazione con gli altri: “il mosaico non lo si può fare da soli, è sempre un’opera corale”. Nell’antichità i mosaici erano fatti da artisti che lavoravano sotto la guida di un maestro tutti insieme nel cantiere. Perciò fare mosaici è “un’esperienza ecclesiale”. “Dal lavoro di comunione il movimento materico pian piano si rivela, acquista un volto”.

Descrizione: Veduta d’insieme
Cristo è deposto dalla croce, sostenuto da Maria e Giuseppe d’Arimatea. Ai piedi di Cristo, Maria Maddalena. Sulla destra, accanto al tabernacolo, inserito nella parete musiva, un angelo. Il quadro che si trova nella parete di fondo della cappella: rappresenta la Madre fondatrice delle Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesù, suor Maria Giuseppa Recio Martin – nota con il nome di Pepita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.