Teatro

Convergenze Urbane 2.0, il Teatro in Periferia

L’Associazione Culturale Beat 72
presenta:

dal 2 al 13 Agosto 2016

Convergenze Urbane due punto zero

Parco Leonardo Sinisgalli (Via Ponte di Nona)

TEATRO – DANZA – PERFORMANCE – MUSICA – INSTALLAZIONI VIDEO E INTERVENTI URBANI

Dal 2 al 13 agosto l’associazione culturale Beat 72 propone dodici giorni di teatro, danza, musica e perfomance, per ospitare pratiche artistiche del contemporaneo, promuovendo artisti emergenti, che sappiano coniugare l’innovazione nelle forme espressive e nei format proposti nonché nella presentazione di opere inedite nel parco Leonardo Sinisgalli nel quartiere Nuova Ponte di Nona a Roma.

Convergenze Urbane 2.0 è un nuovo progetto di Ulisse Benedetti e Gianluca Riggi che sceglie la periferia, ed è realizzato con il sostegno di Roma Capitale in collaborazione con la Siae, nell’ambito dell’Estate Romana 2016. Si tratta di un progetto di contaminazione urbana, aperto all’imprevedibile, dinamico nei confronti delle urgenze espressive e delle esigenze del fruitore, un presidio culturale per lo scambio di esperienze della cultura contemporanea internazionale attraverso un programma di performance artistiche, teatro, musica, danza, letture, conversazioni, fotografia, eventi di carattere interdisciplinare e interventi urbani. Si vuole offrire ai cittadini e ai turisti un’opportunità per “leggere” la città in maniera diversa, nell’intento di far scoprire luoghi, beni culturali e ambientali che sono fonte di ispirazione e narrazione: location del teatro della vita. Convergenze è anche pensata per essere un significativo momento di aggregazione sociale e culturale per una maggiore vivibilità degli spazi pubblici.
Nella rotonda di via Chiodarelli del Parco intitolato a Leonardo Sinisgalli tantissimi eventi da non perdere che guardano all’oggi e pongono la periferia al centro dell’incontro e del fermento contemporaneo tra teatro, musica, danza installazioni e performance.
Apre la programmazione il 2 agosto The black is the new black spettacolo teatrale nato all’interno del progetto Black Reality realizzato con otto migranti del centro Staderini, con la regia di Gianluca Riggi. La donna fine del mondo di Duccio Camerini arriva dalla Serbia ispirato a racconti tradizionali serbi e agli scritti del premio Nobel Ivo Andric. La drammaturgia contemporanea dalla Serbia corre in Norvegia per arrivare in Sicilia nella Medea di Øystein Stene e Maria Sand, dove il drammaturgo norvegese sceglie di portare in vacanza una coppia italo-norvegese in vacanza. La voce in umana di Carniti interpretata da Carmen Giardina propone una rilettura ritmica e musicale del testo di Cocteau che scopre le pieghe della comicità nella disperazione della nevrosi del mal d’amore.
Gianluca Riggi porta in scena con Roberta Castelluzzo il processo a Giulio Andreotti ne L’assoluzione dove la realtà e freddezza degli atti processuali diviene tragicamente comica. La manifestazione che si propone come luogo di tutte le arti la danza sarà quella della compagnia Aleph con The Wait o quella di Alessandra Cristiani che per Residuale sceglie Aracne e l’ebbrezza della trasformazione. Musica e musicalità nella ricerca di Mauro Tiberi e nel suo L’interno di Babele. Tre giorni di Performazione con Antonio Bilo Canela da Le metamorfosi di Ovidio, per conoscere una modalità collaudata di spettacolo e incontro imprevedibile tra dionisiaco e apollineo. La Performazione (Performaction) è una forma d’arte che fonde Performance Art e Teatro, strutturando un sistema di studio e pratica che preveda il superamento definitivo e l’abbandono del concettualismo. Nel contesto della Performazione, il Performer si dona alla scena della “rappresentazione” senza alcun riferimento: è agito nel Vuoto. Di contro, ogni performance, unica ed irripetibile (il Dionisiaco), è preceduta da un approfondito e vorace studio di ciò si è scelto essere la “materia” della Performazione (l’Apollineo). Tra gli interventi urbani anche Un viaggio nella poesia e nella canzone classica napoletana dal 1800 al 1950 a cura Nuccio Siano ma molte altre sorprese.

Dal 2 al 13 agosto
PARCO LEONARDO SINISGALLI
Ingressi Via Ponte di Nona – via Raoul Chiodarelli
Info 067004932 teatrotordinona@gmail.com

Programma:

6 Agosto
Ore 21,15 L’Assoluzione
Ore 22,30 Don Quixote – Eventi A Carattere Interdisciplinare
7 Agosto
Ore 21,15 L’Assoluzione
Ore 22,30 Don Quixote – Eventi A Carattere Interdisciplinare
8 Agosto
Ore 21,15 Medea (Regia Sandro Mabellini)
9 Agosto
Ore 21,15 Metamorfosi di Publio Ovidio Nasone a cura di Bilo Canella Ore 22,30 Medea – Eventi A Carattere Interdisciplinare
10 Agosto
Ore 21,15 Metamorfosi di Publio Ovidio Nasone a cura di Bilo Canella Ore 22,30 Interventi Urbani
11 Agosto
Ore 21,15 Metamorfosi di Publio Ovidio Nasone a cura di Bilo Canella Ore 22,30 Interventi Urbani
12 Agosto
Ore 21,15 La Voce In-Umana
Ore 22.30 Interventi Urbani – Radio P – a cura di Greco/Riggi
13 Agosto
Ore 21,15 Un viaggio nella poesia e nella canzone classica napoletana dal 1800 al 1950 a cura di Nuccio Siano
3-5-8-10-12 Agosto
LETTURE PER BAMBINI “Le ore della fantasia” a cura di Anna Maria Loliva dalle ore 18 alle 20

fonte e maggiori informazioni: http://www.tordinonateatro.it/2016/08/convergene-urbane-20.html

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.